Torre Vado (Marina di Morciano di Leuca) - Foto sulla costa, panorama                      


Torre Vado panorama








Panorama sulla costa | Torre Vado ( Marina di Morciano di Leuca )

Torre Vado è una delle numerose torri di avvistamento costiere fatte costruire nel XVI secolo da Carlo V per difendere il territorio salentino dalle invasioni dei pirati Saraceni. La torre di guardia si trova sulla costa a pochi metri dal mare ed è attualmente circondata da alcuni edifici costruiti in epoche più recenti. Per la sua vicinanza con il centro abitato di Salve era stata adibita a torre cavallara, cioè era dotata di un messaggero a cavallo che in caso di pericolo partiva per avvertire i paesi dell'entroterra. La torre a base circolare si sviluppa su due piani e presenta finestre e feritoie nella parte superiore. È servita da una scala di accesso. Con il disarmo delle torri costiere, avvenuto intorno 1846 su disposizione di Ferdinando II Re delle Due Sicilie, la torre è stata adibita a stazione di controllo doganale. Nel 1930 venne acquistata da privati e nel 1935 fu restaurata.



Hotel, masserie, bed and breakfast, residence e case vacanza sul mare a Torre Vado e altre località
Pescoluse, Lido Marini, Gallipoli, Otranto, Santa Maria di Leuca, Porto Cesareo
hotel pescoluse sul mare case vacanza lido marini, sempre sulla costa Jonica a circa 40 km da Torre vado
Hotel sul mare Porto Cesareo, il mare e le spiagge più belle del Salento hotel lido marini





Lido Venere Beach Hotel
posizione: Pescoluse (Posto Vecchio)
tipologia: albergo e stabilimento balneare


Situato a soli 250 metri dallo stabilimento balneare, dispone di camere con ingresso indipendente, aria condizionata, frigo bar, tv, bagno privato, spazio esterno e vista mare.
La colazione è servita presso l’ampia sala esterna vista mare dello stabilimento balneare situato in prossimità dell’Hotel, raggiungibile a piedi.



Morciano di Leuca
Il comune di Morciano di Leuca è situato nella parte meridionale del Capo di Leuca. L'abitato si sviluppa a 130 metri sul livello del mare sulle ultime propaggini delle Serre salentine che nel comune raggiungono l'altezza massima di 165 m s.l.m. e prendono il nome di Serra Falitte. La natura carsica del territorio favorisce la creazione di inghiottitoi generati da infiltrazioni nel sottosuolo di acque superficiali. È il caso delle due vore di Barbarano, Vora Grande e Vora Piccola, la cui profondità massima è rispettivamente di 34 e 25 metri. Il litorale si presenta basso con insenature sabbiose intervallate da piatti scogli. Il territorio comunale, che si estende su una superficie di 13,39 km², confina a nord con il comune di Alessano, a est con i comuni di Castrignano del Capo e Patù, a sud con il mare Ionio, a ovest con il comune di Salve.