Masserie

Masserie Salento

Elenco strutture tipologia masserie
masserie salento
Totali: 56
scorri le pagine:
schede in questa pagina, da 49 a 56

Hotel San Giuseppe  

OTRANTO - Costa est salento
Via 800 Martiri, 60

tipo: Masseria - Hotel - B&B
posizione: zona centro





Descrizione
Dopo un preciso lavoro di recupero architettonico la masseria di fine XVI sec. è tornata all'antico splendore con una oculata trasformazione in struttura alberghiera di pregio con il giusto tocco di ammodernamento architettonico, tale da non inficiare l'atmosfera ultra secolare dalla quale deriva.
La struttura dispone di un' Area Beaty Spa coperta che Vi attende per rigenerarVi e coccolarVi con idromassaggi, bagno turco, zona fitness attrezzata per il benessere del corpo, sale massaggi e relax .

Masseria Rottacapozza  

TORRE MOZZA - Marina di Ugento
Prov.le Acquarica Torre Mozza

tipo: masseria - resort spa
posizione: in campagna ad 1 km dal mare





Descrizione
L'Antica Masseria Rottacapozza, il cui nucleo centrale risale all'anno 1500, è immersa in un parco naturale protetto di 60 ettari, in una posizione privilegiata da cui si scorge un ampio tratto di mare compreso fra Torre Mozza e Torre Pali, in una terra feconda che dà vita alle grandi distese di ulivi, ai delicati mandorli in fiore e alle infinite piantagioni di verdura e ortaggi che colorano e rendono unica la campagna salentina.
E' composta da un corpo centrale ristrutturato nel rispetto dell'architettura tipica del paesaggio rurale salentino, e da una parte di più recente realizzazione.

Agriturismo - Il Sorriso degli Ulivi

GALLIPOLI - Costa ovest salento
Strada vicinale Castellana-Cacalupi

tipo: Agriturismo - B&B
posizione: periferia





Descrizione
Il B&B immerso nella quiete di un´isola verde, a Conduzione Familiare, è pronto ad offrirvi un soggiorno all´insegna della tranquillità, della natura e soprattutto di un´attenta ospitalità!
Grazie alla sua posizione, sarà facile raggiungere tutte le mete turistiche più gettonate in pochi minuti evitando il traffico vacanziero

Masseria Agriturismo Serine

LEUCA - Sud Salento, il tacco
Contrada Serine

tipo: masseria - agriturismo
posizione: periferia





Descrizione
Il nostro edificio è una Masseria-Casino del XVII° secolo restaurata con l'ausilio di materiali e tecniche tradizionali che ne hanno conservato integre la tipologia e la volumetria rendendola al tempo stesso funzionale alle nuove esigenze.
E' circondata da colture di vario tipo e da essenze ornamentali (palme, oleandri, piante grasse) che sapientemente inserite nel contesto rurale fatto di rocce e muretti in pietra contribuiscono a rendere esclusivo il sito

Messapia Hotel Resort  

LEUCA - Sud Salento, il tacco
Contrada masseria li turchi

tipo: Hotel Resort Masseria
posizione: periferia





Descrizione
Il Messapia Hotel & Resort, complesso alberghiero 4 stelle situato a soli 800 metri dal mare in posizione panoramica, è armoniosamente inserito nello scenario naturale tipico della macchia mediterranea e si affaccia sullo splendido territorio di Santa Maria di Leuca.
Caratteristico e particolare è l'edificio che ospita la hall, il ristorante ed i principali servizi, la cui architettura ripropone, fedelmente, il motivo di una "masseria fortificata con torre"

Masseria Agriturismo Caliani

BORGAGNE - Dintorni Marine di Melendugno
Via Martano (strada Fornelli)

tipo: Masserie
posizione: periferia, campagna





Descrizione
La Masseria è stata recentemente ristrutturata nel rispetto della tipologia costruttiva originale, valorizzando gli elementi autentici al fine di ottenere un risultato di grande charme ed armonia.
Le soluzioni abitative di tutta la struttura sono quattro appartamenti indipendenti, arredati con mobili in arte povera, letti e sedie in ferro battuto.

Masseria Don Cirillo

TORRE SAN GIOVANNI - Marina di Ugento
Prov.le Ugento - Torre San Giovanni

tipo: Masseria di charme - b&b
posizione: in campagna, a 3 km dal mare





Descrizione
In un paesaggio di pietra e luce e un mare di ulivi argentei che arrivano a lambire la costa, è immersa la masseria Don Cirillo: è il sud del Salento più vero, dove la natura è incontaminata ed esprime la sua pura bellezza mediterranea.
A solo 1,5 Km dal mare, la masseria appare sospesa nel tempo, in un’atmosfera di piacevole oblio, persa nel silenzio riposante della campagna.

Family village hotel residence  

OTRANTO - Costa est salento
località Frassanito

tipo: villaggio - hotel residence
posizione: zona Frassanito





Descrizione
In località Frassanito, in un tratto di costa caratterizzato da spiagge di sabbia finissima e suggestive scogliere, si trova il complesso di nuova realizzazione che si estende su un area di 4 ettari tra il verde di pini e ulivi
Concepito nello stile architettonico delle antiche Masserie del Salento, l'impiego di materiali naturali come marmo, pietra Leccese e travertino grezzo, si combina armoniosamente con il paesaggio circostante offrendo una cornice ideale per vivere la vacanza in libertà e relax senza rinunciare al comfort di un hotel residence di categoria 4 stelle
Salentolink.com © Promozione turistica
Via C. Cattaneo,71 Presicce (LE)
cel: 349/3748481 tel/fax: 0833/722388

Masserie: Approfondimenti storici

Le masserie, dal latino " massae" amalgama, insieme di fondi rustici, rappresentano uno degli aspetti più singolari e suggestivi della Puglia. Sono tante, innumerevoli (oltre 2.000) e spaziando con lo sguardo nelle sconfinate pianure ci si rende conto che esse spuntano ovunque come funghi.
Non sono una peculiarità della regione, ma qui in Puglia, vuoi per la conformazione territoriale, vuoi per motivi di carattere etnico o per cause collegate all'evoluzione dell'economia della regione, hanno assunto una connotazione particolare.
Tante le definizioni che si possono attribuire a questo particolare tipo di insediamento rurale: aziende rurali in regime latifondistico basate essenzialmente sulla coltivazione dei campi e sull'allevamento del bestiame, testimonianze fra le più rappresentative del processo di antropizzazione dell'ambiente, percorsi umani che per molti secoli, fino alle soglie del Novecento, hanno avuto un ruolo storico di primaria importanza, materializzazioni di tutto un complesso plurisecolare di arte, di tradizioni popolari, di vita, di economia, di produzione, di attività agricole e pastorali. Tutto, comunque, conduce alla delineazione di alcuni dati di fondo: la masseria pugliese costituì il tipo di azienda che raggiunse, soprattutto tra i secoli XVI e XVII, i livelli di massima diffusione e importanza sia per dimensioni che per potenzialità costituendo l'elemento più caratterizzante della Puglia.

Questi agglomerati hanno origini antichissime. Nate sul solco delle antiche ville rustiche romane (in non poche di esse sono state ritrovate testimonianze della dominazione romana quali antiche mura, armi, suppellettili e materiale fittile vario) delle quali riecheggiano la disposizione dei volumi attorno ad un ampio e comodo spazio interno, sorsero dal bisogno che sin dalle origini l'uomo ha sentito di associarsi ai propri simili, di vivere inserito in una comunità, di accomunare il proprio lavoro a quello degli altri, di assicurarsi una maggiore difesa dai predoni, dai rivali, dai pirati. Notizie più attendibili abbiamo delle epoche successive.
Col volgere degli eventi, con il loro territorio furono date in appannaggio a valorosi guerrieri e a gente di corte dei regnanti che le amministrarono ricavando di che vivere per sé e per la comunità. In seguito passarono ai feudatari (conti, marchesi, baroni e signorotti vari) che le resero residenze estive. Si può ancora oggi osservare nella parte centrale del complesso edilizio, posta al primo piano, costituita da un insieme di stanze spaziose con salone e dotata di ogni comodità, quella destinata al proprietario.
Annessi ad essa, depositi di formaggi e magazzini di granaglie, olio, vino ecc. Lungo i lati dei cortili, invece, si diluiscono gli alloggi dei dipendenti: umili casupole che il più delle volte annoverano una sola stanza angusta. Nei cortili e nelle stalle trova posto il bestiame.
Tali costruzioni, inoltre, sono per lo più dotate di una chiesetta, del mulino, del frantoio e di tutti quanti gli altri servizi necessari per la conduzione di una vita autonoma e autosufficiente. Non poche di esse, però, data la loro vulnerabilità, ricorsero nel Medioevo a idonee forme di difesa. Travisando l'originale struttura o ricostruendo ex novo la muratura di cinta, si dotarono di merlature, spioncini e fossati, tanto da divenire delle vere e proprie fortezze. Isolate, lontane dai centri urbani, in aperta campagna, erano porzioni di spazio imprigionate tra altissimi e poderosi muri di recinzione, capaci di incutere timore e nel contempo rispetto anche nel più agguerrito dei nemici.

Numerosi esempi di costruzioni fortificate li troviamo nella campagna leccese, barese e brindisina, cioè sul versante adriatico da dove più di frequente provenivano le scorrerie piratesche dei saraceni seminando ovunque morte, strage, razzie e devastazione.
Le conflittualità verificatesi nel Medioevo fra i proprietari rivali o fra dominatori rivali indussero pastori e contadini a cimentare i propri sforzi e a raggrupparsi sempre più allo scopo di poter opporre maggiore resistenza alle forze d'urto. Confluendo nelle costruzioni che davano maggiori garanzie di tutela e di sopravvivenza, presero a costruire nelle adiacenze le proprie dimore, sicché tali agglomerati si trasformarono in casali, da casali in borghi e da borghi in paesi. Di questo processo evolutivo in Puglia, specie nel Salento, abbiamo numerosi esempi.
Vero è che nel passato queste costruzioni hanno avuto una valida funzione economica e sociale. Oggigiorno, sebbene molte cose siano cambiate e il progresso si è fatto sentire con tutta la spinta della sua meccanizzazione in queste punte avanzate della pastorizia e dell'agricoltura pugliese, restano ancora le depositarie di un'arte antica quanto l'uomo: quella cioè, della trasformazione del latte nella vastissima gamma di derivati col solo ausilio dell'elemento umano. E non è poco se si pensa che oggi il creatore della macchina e del cemento armato si pone all'affannosa ricerca della vita e delle cose semplici trasformando, per questo, questi antichi edifici in pietra calcarea o di tufo in eleganti dimore o in aziende agrituristiche costituendo meta privilegiata per chi cerca una dimensione di vita che lo riporti a contatto con la natura.
Questi piccoli organismi sociali e produttivi, indipendenti da ogni contesto urbano, connotano il paesaggio dalla Capitanata al Salento assumendo tipologie architettoniche in funzione dell'ubicazione o della prevalenza di una coltura rispetto a un'altra.